Cos’è un database

Torna a Articoli

Cos’è un database

Un database è una raccolta di  informazioni organizzata in modo tale da poter essere facilmente accessibile, gestita e aggiornata.

In generale il database viene utilizzato per archiviare dei dati o informazioni attraverso l’uso di tabelle. Se hai già familiarità con le tabelle o con i fogli di calcolo come, ad esempio, Microsoft Excel, probabilmente sei già abituato ad una forma di archiviazione di dati in forma tabellare.

Un database è composto da più tabelle e, proprio come le tabelle di Excel, le tabelle del database sono costituite da colonne e righe. Ogni tabella deve avere un nome univoco all’interno di un database.

Esempio

Prendiamo in considerazione un database che archivia per i dipendenti di un’azienda le seguenti informazioni

  • Nome
  • Cognome
  • Telefono

Nel database avremo delle colonne con nome, cognome e telefono. Poi avremo tante righe in base al numero di dipendenti con tutte le informazioni della singola persona.

In una tabella di informazioni di contatto per un’azienda con 50 dipendenti, la tabella avrà 50 righe.

Database cos'è a cosa serve relazione con progettazione siti webOltre alle tre colonne descritte su sarà indispensabile avere una colonna che rappresenterà la chiave primaria unica per ogni dipendente (come ad esempio il codice fiscale) che permetterà di accedere direttamente alle informazioni di un singolo dipendente presente nel database.

Ogni riga della tabella prende il nome di record.

Una struttura cilindrica viene utilizzata per visualizzare l’immagine di un database.

 

 

Che relazione c’è tra database e siti web?

Un sito web dinamico gestisce le pagine web raccogliendo le informazioni dal database con cui si interfaccia. Quindi per un qualsiasi sito web dinamico si ha un database che archivia e gestisce tutti i dati e i contenuti presenti sulle pagine pubblicate.

 

Modelli di database

Un modello di database è un tipo di modello di dati che determina la struttura logica di un database e fondamentalmente determina il modo in cui i dati verranno archiviati, organizzati e manipolati. Definisce la progettazione logica di come i dati verranno raccolti, classificati e archiviati. È il fondamento del sistema di gestione del database.

Esistono ben oltre 10 diversi modelli di database e potenzialmente un numero infinito di sottoinsiemi all’interno di quelli che dipendono dal settore aziendale o dalla priorità aziendale. Vi sono tuttavia 3 modelli storici che sono stati i fondamenti di tutti i modelli di database attuali.

Questi sono:

  • Il modello gerarchico è un modello di dati in cui i dati sono organizzati in una struttura ad albero o una piramide.
  • Il modello di rete è un modello di dati in cui le entità sono organizzate in un grafico in cui è possibile accedere ad alcune entità attraverso diversi percorsi. Questo è stato progettato per risolvere il problema della ridondanza dei dati nel modello gerarchico. Il modello di rete organizza la relazione dei dati in modo netto o grigliato.
  • Il modello relazionale per la gestione del database è un modello di database basato sulla logica del predicato del primo ordine.

Il modello di database più popolare è il modello relazionale che utilizza il formato basato su tabella. Questo ovviamente perché è un modello flessibile che consente l’applicazione a mercati e settori economici dinamici.

 

Gestione del database

Qualunque sia il modello scelto per il modo in cui le informazioni vengono raccolte, classificate e archiviate, l’accesso e il recupero di tali informazioni fanno parte della gestione del database. Ad occuparsi della gestione c’è sempre un Database Management System (DBMS) . Un DBMS è il database stesso, insieme a tutto il software e le funzionalità per recuperare o inserire i dati. Un DBMS crea report, applica regole e vincoli al database e mantiene lo schema del database. Senza un DBMS, un database è solo una raccolta di bit e byte con scarso significato.

I sistemi di gestione dei database (DBMS) sono applicazioni software appositamente progettate che definiscono i parametri del database e consentono all’utente e ad altre applicazioni di acquisire, analizzare, amministrare e recuperare i dati. La gestione del database comporta inoltre la creazione e il mantenimento dei diritti di accesso che controllano quali utenti possono accedere e a quali contenuti.

Un esempio semplice e chiaro di gestione automatica dei diritti di accesso con le informazioni raccolte sul database è rappresentato dalle applicazioni POI (Point of Interest) e dai servizi di localizzazione GPS del telefono cellulare. A seconda della zona geografica selezionata e delle parole chiave utilizzate, l’indirizzo IP del ricercatore viene confrontato con un elenco di posizioni IP corrispondenti che si trovano solo nelle aree geografiche target, bloccando l’accesso a quelle che non generano una corrispondenza indipendentemente dalle parole chiave . Altri esempi includono il modo in cui alcuni motori di ricerca su Internet favoriscono la pubblicità a pagamento rispetto ai contenuti e così via.

La selezione di chiavi primarie è una decisione estremamente importante

La selezione di una chiave primaria nella progettazione di un database è una delle decisioni più importanti da prendere e bisogna tenere bene a mente che questa deve essere unica. Quindi per ogni record della tabella il campo scelto per la chiave primaria dovrà essere diverso da tutti gli altri.

 

Sql

SQL o Structured Query Language  è la lingua più utilizzata per aggiungere, accedere e gestire il contenuto di un database. È noto per la sua elaborazione rapida, affidabilità comprovata, facilità e flessibilità di utilizzo.

 

MySql

MySQL è un RDBMS (Relational Database Management System) open source disponibile gratuitamente che utilizza Structured Query Language (SQL).

MySQL è una parte essenziale di quasi tutte le applicazioni PHP open source. Buoni esempi per gli script basati su PHP e MySQL sono WordPress, Joomla, Magento e Drupal.

Nella creazione di un database MySQL occorre sempre specificare i seguenti parametri.

  • Nome del database (dbname)
  • Nome dell’utente per il database (user id o usename)
  • Password dell’utente (password)
  • Host del database (host): quasi sempre identificato dal nome localhost, in quanto basato sullo stesso server che ospita anche il sito

 

Condividi questo post

Lascia un commento

Torna a Articoli